Il futuro dell’E-commerce

Qual è il futuro dell’E-commerce? Sempre più persone decidono di investire nella realizzazione di un nuovo shop on-line ma conviene ancora farlo?

Che i grandi marketplace come Amazon oggi dominino il mercato on-line è ormai fuori discussione, basti pensare che proprio Amazon ha superato i 200 miliardi di $ di fatturato nel 2018. Per quanto si possa investire in un E-commerce in Italia, di certo raggiungere quei numeri richiederebbe uno sforzo enorme, senza considerare poi che non basterebbe solo il mercato italiano.

Quanto investire oggi in un E-commerce?

La risposta è sempre una, dipende! Dipende dal tipo di prodotto e, soprattutto, dal budget che si ha a disposizione per promuoverlo.

Sicuramente se vendi prodotti di largo consumo potresti scegliere di appoggiarti ad un marketplace come Amazon o eBay, addirittura Amazon mette a tua disposizione la sua logistica: praticamente spedisci tutti i tuoi prodotti a loro e si occuperanno diligentemente della consegna con tempi e metodi che li hanno resi famosi.

Se invece hai un prodotto che produci tu direttamente e quindi ti devi occupare di tutto, dalla commercializzazione al marketing, potresti prendere in considerazione di realizzare un E-commerce per la vendita on-line dei tuoi prodotti.

Questo perché, soprattutto se è un prodotto di nicchia, canalizzerai tutti gli utenti interessati sulla tua piattaforma e potrai rendere la loro esperienza di acquisto unica.

Quanto bisogna investire in pubblicità?

Aprire un E-commerce e non fare pubblicità è come aprire un negozio fisico in alta montagna…

Non c’è una cifra minima o massima, diciamo che per la cifra minima puoi fare affidamento al tuo buon senso. Ad esempio se il tuo obiettivo è vendere 50 prodotti al giorno da 20€ l’uno, per un valore complessivo di 1.000€ al giorno e per un totale di 30.000€ al mese, sicuramente non riuscirai ad ottenere un risultato del genere investendo 100€ al mese in pubblicità su Google Adwords o Facebook ADS, sei d’accordo?

Per quanto riguarda invece il massimo che puoi investire… beh, non ci sono limiti!

Quanto incidono i social sul futuro dell’E-commerce?

Per vendere bisogna investire in pubblicità e acquisire nuovi clienti, fin qui siamo tutti abbastanza d’accordo, quindi c’è la necessità di pubblicizzare i propri prodotti su piattaforme dove sono presenti ogni giorno milioni di persone differenti giusto? Fino ad oggi il sistema è il seguente, mostri il tuo prodotto sui social, lo sponsorizzi e porti persone al tuo E-commerce per generare vendite.

Facebook investe milioni in ricerca e sviluppo per capire come trattenere il più possibile gli utenti sui social e alla fine la domanda prima o poi sarebbe stata posta: perché far uscire gli utenti da Facebook e Instagram per acquistare prodotti?

Detto fatto, nel 2016 Facebook realizza il suo Marketplace e lo mette a disposizione di aziende e utenti per vendere prodotti on-line. Lo stesso sistema è in fase di implementazione anche su Instagram dove ormai la gran parte degli utenti, soprattutto i millennials, si sono spostati.

Conclusioni

In definitiva, se hai prodotti di largo consumo la cosa migliore è sfruttare la visibilità che offrono i grandi marketplace.

Se produci direttamente il prodotto che vendi, oppure vendi prodotti molto particolari o di nicchia, meglio realizzare un E-commerce, promuoverlo, creare una community e “tenerla attiva” acquisendo ogni giorno nuovi clienti e fidelizzando quelli già acquisiti.